Ricostruzione Capezzolo

capezzoloL’ultimo passo della ricostruzione mammaria è la ricostruzione del complesso areola-capezzolo che viene eseguita quando le mammelle sono ben simmetrizzate e stabili, quindi dopo alcuni mesi.

Il capezzolo si può ricostruire utilizzando il capezzolo controlaterale: se quest’ ultimo è grosso e molto sporgente se ne può prelevare la metà e trapiantarlo come innesto libero nella nuova sede. In alternativa sono stati descritti numerosi metodi che utilizzano piccoli lembi locali prelevati dalla cicatrice stessa della mastectomia, i quali, ruotati, simulano l’aspetto di un capezzolo e che rappresentano la tecnica preferita dal Dr. Grassetti.

L’areola può essere ricostruita o con un innesto prelevato alla radice della coscia, oppure si possono ottenere buoni risultati con la dermopigmentazione mediante tatuaggio. Presenta il vantaggio di non richiedere una sala operatoria e soprattutto di non aggiungere altre cicatrici, ma tende a scolorire nel tempo in misura maggiore rispetto alla prima metodica. Va tenuto presente che, a fronte di un’ ipercorrezione iniziale, si assisterà ad una diminuzione di proiezione del capezzolo più della metà nell’ anno successivo!

TOP